Vince l’Italcave Real Statte tra le mure amiche del PalaCurtivecchi di Montemosola a discapito di un Città di Capena che si sveglia troppo tardi e non riesce nell’impresa di ribaltare il risultato.

PRIMO TEMPO – La prima frazione di gioco infatti è tutta di marca rossoblu: Renata, mattatrice di giornata con una tripletta, è la prima a scaldare le mani di una straordinaria Castagnaro, migliore in campo tra le fila del Capena. Le altre conclusioni arrivano da parte di Boutimah e Soldevilla ma ancora una volta il portiere in maglia 27 risponde presente. Il Capena pensa unicamente a difendersi riuscendo poche volte a ripartire in contropiede e quasi mai a concludere verso la porta avversaria. Poco dopo cala il gelo al PalaCurtivecchi: scivolata di Soldevilla per fermare Bea Martin che si era involata verso la porta stattese, la spagnola prende la palla, ma Bea Martin cade rovinosamente sbattendo violentemente la schiena. Le urla fanno rabbrividire tutti i presenti, agghiacciante la scena con la numero 8 ferma in terra. La barella entra in campo e trasporta la spagnola fuori. Da quel momento le Leprotte scompaiono psicologicamente dalla gara. Dopo un’altra pportunità dello Statte infatti, le padrone di casa passano in vantaggio: ripartenza veloce che vede una situazione di 2 contro 2, Renata è bravissima a saltare la diretta avversaria e concludere in maniera potente e precisa. Neanche trenta secondi e arriva il raddoppio: conclusione potente di Violi respinta, sulla ribattuta arriva Boutimah che conclude ancora con un tiro molto potente che Castagnaro non riesce a smorzare, la palla finisce in rete ed è due a zero. Negli ultimi minuti del primo tempo esordisce tra le Leprotte Serena Benvenuto: l’ex Lazio sembra accendere la luce, suo infatti il passaggio per Sgarbi che scarica in porta con tutta la forza in corpo, trovando però una grande parata di Margarito.

SECONDO TEMPO – Nella ripresa rientra più convinto lo Statte che trova altre due reti in rapida successione: ancora Renata a mettersi in mostra con un’azione personale conclusa in maniera sublima, nulla da fare per Castagnaro. La n° 99 non si accontenta di segnare e allora serva anche l’assist vincente a Boutimah che firma la seconda doppietta di giornata e la quarta marcatura delle padrone di casa. Proprio nel momento più buio e disperato, il Capena trova l’orgoglio per uscire fuori, sfiorando l’impresa: ci prova prima Sgarbi, la quale è brava a saltare un avversario e concludere, trovando però la risposta di Margarito in spaccafa; poi è il turno di Neka che scheggia la traversa con una conclusione dalla distanza. Lo Statte gioca in ripartenza e sfiora il quinto gol: situazione di tre contro uno, rapidi scambi tra Renata, Boutimah e Pedroso, proprio quest’ultima mette clamorosamente a lato da pochi passi dalla porta di Castagnaro. Gol mangiato, gol subito e allora a 11 minuti dalla fine è Macchiarella a riaprire i giochi, per lei primo gol con la maglia del Capena e in Serie A. Dopo il brivido provato a causa della conclusione di Renata che si stampa sull’iscrizione dei pali, le leprotte la riaprono con il gol di Will che trova la rete dopo aver saltato un’avversaria. Anche per lei è la prima rete stagionale. Il Capena ci crede e poco dopo sfiora il terzo gol: palla magica di Neka che pesca tutta sola Benvenuto, che conclude trovando però la straordinaria opposizione di Margarito. Il tentativo disperato di riprendere una partita che sembrava ormai persa da parte della compagine laziale, fa sì che lo Statte possa approfittare degli ampi spazi lasciati in difesa: Castagnaro fa di tutto per tenere a galla le compagne, parando il possibile e uscendo sempre con ottimo tempismo; ma deve carambola quando a poco meno di due minuti dal termine Renata riesce a saltare proprio l’estremo difensore capenate e a depositare in rete il terzo gol di giornata che vale il momentaneo 5-2. Poco dopo arriva anche la rete del definitivo 6-2: è Soldevilla a regalarsi la gioia del gol a seguito dell’assist di una fantastica Boutimah. Arriva quindi la prima sconfitta stagionale per il Capena di mister Chiesa, che martedì dovrà affrontare un’altra trasferta proibitiva, presentandosi alle porte di un Montesilvano che sembra infermabile. Impegno più agevole, almeno sulla carta, per lo Statte di mister Marzella che ospiterà il fanalino di coda Pelletterie.

Luca Pellegrini
Ufficio Stampa Città di Capena