Un Capena che ormai non ne sbaglia una, a un primo tempo sofferto risponde con un secondo tempo con i fiocchi. Doppia Ribeirete, in stato di grazia, poi Neka imperante nel secondo tempo e Csepregi tornata in grande spolvero. Un inizio a scartamento ridotto delle Leprotte mette pepe alla partita, il vantaggio di Baldassarri sembra nell’aria visto soprattutto le distrazioni in fase di costruzione delle Leprotte. Non passano però un paio di giri di lancette che sull’asse Will-Csepregi arriva il pareggio. Una fiammata, in pratica, nell’avvio bruttino delle biancorosse: Will imbuca per Csepregi e l’ungherese a tu per tu con Pizi. A metà della prima frazione sembra però che il Capena non sia padrone, come al solito, della gara e stenta a cambiare marcia come sempre anche dopo un svantaggio. Così ne approfitta Jokisalo che sfrutta in fase di uscita un po’ di confusione tra batti e ribatti di varie giocatrici e scaglia un destro imparabile sotto gli incroci. È l’1-2 con cui si va al riposo.

Seconda frazione dove il Capena si sveglia e torna il solito grande Capena: dopo neanche tre minuti è Neka che suona la sveglia con un grande gol di sinistro angolatissimo che si insacca alla sinistra di Pizi. Di qua in poi le Leprotte si trasformano: sentono l’odore del sangue e azzannano senza pietà la preda. Neka chiama la pressione forte addirittura su Pizi. Una di queste riesce e recupera palla scaricando su Ribeirete che mette a segno il gol del sorpasso. Neka continua la pressione ed è una vera è propria spina nel fianco delle marchigiane. Una mossa che da di nuovo i suoi frutti: la numero otto un’altra volta ruba palla e con Ribeirete duetta che è una meraviglia. La numero dodici la consegna a Neka la palla e la stessa la riscarica di nuovo alla brasiliana che può mettere comodamente in gol. Un’azione da applausi. È il 4-2 che suggella la doppietta di giornata di Ribeirete. Sembra un ritorno alla solita realtà domenicale: poker di assi biancorossi e partita chiusa. Il Chiaravalle mette il portiere di movimento, ma in modo confusionario e per poco in due occasioni non rischia la frittata. L’ultima vera occasione è a poco più di un minuto dalla fine per le marchigiane quando l’ultimo a sussulto di Jokisalo, un tiro da fuori, viene ribattuto da Fattori.

Finisce con la dodicesima vittoria delle Leprotte su quattordici partite e un campionato che sembra sempre più in cassaforte. Domenica altra sfida marchigiana con il Civitanova questa volta in trasferta.

Ufficio Stampa