Un successo straordinario che manda la WFC Grottaglie direttamente alla finale per la promozione in Serie A quello conquistato, per 2-3, dalle biancoazzurre sul campo della Royal Team Lamezia. A commentarla è il numero uno Cataldo Abatematteo: “È stata una bella partita giocata con una grande squadra: per questo ritengo sia stata la più bella prestazione delle mie atlete, che hanno fatto quello che avevano preparato in settimana condita da qualche sorpresa del momento. Quando hai un tecnico preparato come Bommino bisogna essere elastici mentalmente ed eseguire velocemente quello che viene detto durante la partita”.

ABATEMATTEO – Le sensazioni: “Le sensazioni sono quelle di chi non ha preparato nulla ma semplicemente sogna partita dopo partita. A inizio stagione non avevamo nessun obiettivo particolare: abbiamo giocato partita dopo partita per costruire il nostro destino. C’è una grafica sui nostri social in cui abbiamo messo tre tappe. Le prime due le abbiamo superate e ora siamo consapevoli che la terza sarà quella che potrebbe portarci alla realizzazione di un sogno”. Il sacrificio più bello “Il momento più bello è stato quando, domenica, ho visto rientrare le ragazze nel secondo tempo in campo: le ho osservate e ho letto nei loro occhi grande determinazione. Tra me e me mi sono detto che non sarebbe potuto andare male perché c’era voglia di vincere e di sacrificarsi per recuperare il risultato del primo tempo. Così è stato: abbiamo sofferto tutti insieme con un intero palazzetto che tifava Lamezia ma abbiamo buttato il cuore oltre l’ostacolo ed è stata una bella sensazione che è esplosa al fischio finale”. E ora arriva il bello. “Come ho detto prima ora ci manca una sola tappa: la terza quella che può coronare un sogno. Sognare non costa nulla: tutti insieme cercheremo di superare questo ostacolo consapevoli di aver già fatto tanto. Un ultimo sforzo da parte di tutti: potrebbe essere quello che ci porterà nella storia”. Ringraziamenti. “Ringrazio in primo luogo il tecnico Angelo Bommino che nonostante le mille difficoltà con poche ragazze a disposizione ha proseguito il cammino alla grande. Stessa cosa vale per il preparatore atletico Angelo Passaro che ha curato la parte atletica stando molto attento alle esigenze delle ragazze: è anche merito suo se con una rosa di sole dieti atlete non abbiamo subito infortuni e siamo arrivati fino a questa mattina partita in perfetta forma. Infine ultimo in ordine di arrivo un grazie va a Giuseppe Mangiarelli che in queste settimane ci sta dando una mano con i portieri. Alle ragazze va detto un immenso grazie: cominciare la stagione in dieci e finirla in dieci con i risultati raggiunti e senza mai mollare non è da tutti. E poi ancora i nostri partner ci piace considerarli così perché hanno partecipato attivamente e senza farci mai mancare nulla in questa stagione. A loro va un caloroso abbraccio perché se possiamo guardare al presente e al futuro senza problemi è anche grazie a loro. Un grande ringraziamento va ai ragazzi che hanno curato la parte media: dal regista Enrico De Pace a cui si è aggiunto con la voce per i commenti durante la diretta Marco Formuso. Un grazie al nostro fotografo ufficiale Nicola Gentile che con i suoi scatti ha immortalato ogni momento di questa stagione. Un altro grande grazie va al mio amico Bruno Di Palma: un giorno di qualche anno fa mi disse insieme andremo in serie A. Io ero un presidente al primo anno in C con tante paure e poca esperienza: lo guardai stranito. Ora quelle parole potrebbero diventare realtà. Devo ringraziare i due dirigenti Giancarlo Santoro e Grazia Serio Sisto che non hanno mai fatto mancare nulla alle ragazze e allo staff: se siamo arrivati a questo importante traguardo grossa parte del merito è loro”.


Alessio Petralla
Ufficio Stampa Woman Futsal Club Grottaglie
*foto: Nicola Gentile