Il tecnico Vincenzo Tassielli è tornato sulla panchina altamurana dopo una sola stagione. A poche settimane dal via ufficiale della stagione, la Soccer Altamura prende sempre più forma. Dopo gli arrivi di Pedroso, Sabatini, Dominguez, Arcuri è stata la volta della conferma del capitano di lungo corso Maria Difonzo. Un po’ in sordina, invece, è passata la notizia del cambio di guida tecnica con Vincenzo Tassielli, che è subentrato a Maria Rosaria Campanelli.

TASSIELLI – Per l’allenatore cassanese, si tratta di un ritorno sulla panchina della Soccer Altamura, con la quale ha raggiunto i risultati più importanti della sua carriera di allenatore, con un secondo posto in serie C e la vittoria della Coppa Italia nella stagione 2020-21. Nato nella vicina Cassano delle Murge, classe ‘81, Vincenzo Tassielli ha iniziato la carriera di allenatore nel 2013 con la femminile a Conversano, è proseguita a Cassano e Modugno, poi nel 2018 l’approdo alla Soccer Altamura, squadra con la quale è rimasto per tre stagioni, mentre nella passata stagione ha allenato l’Under 19 dell’Atletico Cassano. Per lui, quindi, quest’anno quasi un ritorno a casa. Di questo e di altro ne abbiamo parlato con lui. Bentornato mister. Per questo ritorno ad Altamura con la Soccer.

Quali sono le motivazioni che l’hanno spinta a fare questa scelta?
T:
“Sono tornato con la Soccer Altamura perché, nonostante avessi lasciato la panchina, l’amicizia con il presidente Dinardo e con gli tutti gli altri dirigenti non si è ma interrotta. Ad Altamura mi sono sempre sentito a casa e, inoltre, avrò la possibilità di cimentarmi in un palcoscenico importate come la serie A2 femminile”.

Che ambiente ha ritrovato?
T:
“Ho ritrovato un ambiente tranquillo. Ho avuto modo di chiacchierare con alcune giocatrici che erano già con meco, come il capitano Maria Difonzo, il vice Carone e Costanza Lorusso e ho capito che tutti hanno voglia di rimettersi in gioco per far tornare grande la Soccer”.

È soddisfatto degli acquisti fatti?
T:
“Certo con gli acquisti ci siamo superati: Pedroso è scesa di categoria per sposare il nostro progetto, Sabatini e Fichele sono giocatrici talentuose e infine il direttore mi ha anche accontentato con un pivot di stazza come Bianca Arcuri che, per il tipo di gioco che intendo mettere in campo, sarà un perno importante”.

Manca poco meno di un mese all’inizio della preparazione. Si aspetta qualche altro innesto?
T:
“Serve ancora qualche piccolo ritocco, c’è ancora da concludere qualche trattativa ma, se non sarà possibile adesso, c’è sempre a disposizione la sessione invernale dei trasferimenti. Nella passata stagione, possiamo dire che il campionato è “iniziato” a dopo il mercato invernale, con molte squadre che sono state rivoluzionate per raggiungere i rispettivi obiettivi”.

Qualche giorno fa è stato ufficializzato il girone. Vedendo le squadre avversarie, quali potrebbero essere gli obiettivi della squadra?
T:
“Vedendo il girone credo che dovremmo salvarci con tranquillità, però non bisogna accontentarsi, cercherò di portare ad Altamura un futsal di alto livello e magari giocare per qualcosa di più della semplice salvezza”.

Vuole aggiungere qualcosa?
T:
“Voglio fare un solo appello alla cittadinanza e ai tifosi: stateci vicini e sostenete questa realtà che sta crescendo grazie agli sforzi umani ed economici di questa dirigenza”.

Ufficio Stampa Soccer Altamura