La “Briciola” è nata con lei e da lei. Da lei e da Patrizia Scoffone. Con il passare degli anni si è strutturata una società, sono cambiati i ruoli, ma non i principi fondamentali da cui è nata e su cui si è sempre basata: amicizia, lealtà, correttezza, inclusione, passione, impegno e senso di appartenenza.

Un percorso sportivo e umano, quello di Susanna Bianchi, che dura da moltissimi anni, prima come giocatrice, poi come allenatrice, dal regionale al nazionale, dai campi in sintetico al parquet. E questo lungo viaggio la porta ancora qui, a casa. “Va dove ti porta il cuore, lui difficilmente sbaglia”. E il cuore, ancora una volta, è rossoblù.

Ufficio Stampa Brc 1996