Fine dell’anno col botto per La 10: tesserata Carla Ducò.

L’OPERAZIONE – Come se non bastasse l’arrivo della scorsa settimana di Francesca Di Maggio, la società del presidente Ghiselli mette a segno un ulteriore colpo che incrementa notevolmente le qualità del roster a disposizione di mister Vannini. Una vera “occasione di mercato”, quella colta dal Ds Borrelli che da tempo cercava un elemento di qualità ed esperienza che potesse far fare il definitivo salto di qualità alla formazione livornese in questa seconda parte di stagione nell’ottica di raggiungere gli obiettivi prefissati dalla società. Quello di Ducò è un innesto che la vedrà impegnata con la società livornese solo in determinate fasi della stagione a seconda dei suoi impegni lavorativi i quali l’hanno costretta a dire di no a diverse società di serie A. Tornata definitivamente in Spagna al termine della passata stagione con l’intenzione di non tornare più nel bel paese con l’ottica di trovare una stabilità lavorativa a “casa”, non ha saputo dire di no alla proposta del DS Borrelli.

DUCÓ – “La nostalgia del pallone anche solo dopo pochi mesi di lontananza era già tanta e la possibilità di tornare a giocare senza tralasciare il lavoro ha fatto sì che il matrimonio con La 10 si concretizzasse”, queste le prime parole di Carla in giallonero. Non ha bisogno di grandi presentazioni Ducò, una vita in serie A tra le fila di Isolotto, S.S. Lazio, Statte e per ultimo il CF Pelletterie. Un elemento con determinate caratteristiche che mancava nel roster di mister Vannini. Classico pivot abile a giocare anche spalle alla porta, forte fisicamente, gran mancino.

Ufficio Stampa La 10 Livorno