Tre punti d’oro. Al sapore di salvezza, di Serie A2. Il Frosinone riprende la sua corsa verso l’ottavo posto, l’ultimo valido per il mantenimento della categoria, annientando la FB5 in trasferta (0-4). Ora il Real Praeneste dista un solo punto: è tutto aperto. E anche l’emergenza coronavirus non distrarrà Irene Mattarelli e le sue compagne dall’obiettivo: “Noi, a parte qualche caso sporadico nella nostra zona, siamo abbastanza tranquille” – ha detto Mattarelli a Lady Futsal – “La decisione di giocare a porte chiuse ci dispiace soprattutto per i nostri tifosi. L’affluenza al palazzetto stava aumentando weekend dopo weekend, sarà triste non ricevere il loro calore. Però dobbiamo restare concentrate sul campo: domenica affronteremo una squadra difficile come la Virtus Ciampino”.

IL CALENDARIO – Le ciociare sono ripartite dopo un periodo difficile. Lo 0-6 incassato a tavolino contro la Brc aveva complicato e non poco la situazione in classifica: “Non è stato bello ricevere la notizia della sconfitta a tavolino sapendo di aver vinto largamente sul campo. Quella partita vale 0 punti per la classifica, non per noi che abbiamo giocato ampiamente meglio delle avversarie” – ma la squadra ha voltato pagina –C’era voglia di riscatto. Quello della FB5 è un campo difficile, all’andata avevamo perso contro di loro. Era fondamentale vincere e lo abbiamo fatto, meritando. Ci piace vincere sul campo…”.

Mattarelli non la manda a dire, e guarda già al prossimo avversario: “Affronteremo ogni partita al 100% delle nostre possibilità. Il Ciampino è una squadra forte ma in casa loro, all’andata, stavamo dominando la partita e siamo uscite sconfitte 4-2 solo negli ultimi minuti. Proveremo a fare ancora meglio per portare a casa tutta la posta in palio”.

IL FROSINONEUnione. È la parola chiave utilizzata dal Frosinone per uscire da questo momento difficile. In tal senso, una rosa ristretta come quella delle ciociare può aver fatto la differenza. Da punto debole a cavallo di battaglia: “Ci aiutiamo, dagli allenamenti alla partita. Siamo tutte molto giovani e la maggior parte di noi non ha esperienza in A2. Però riusciamo sempre a tenderci la mano, cosa che ci permette di poter dare quel qualcosa in più la domenica”.

Appartenenza. Anche questa è fondamentale, Irene Mattarelli ne è un esempio vivente: “Tutto è iniziato quando ho fatto un provino con l’Under 19 del Frosinone Futsal. Mi hanno presa, e la prima squadra ha iniziato a chiamarmi la domenica. Come tante delle mie compagne inizialmente ero un po’ in difficoltà, visto che mi stavo approcciando a un campionato del tutto diverso per me. È stato bello, emozionante. Ho trovato persone che mi hanno aiutata sia all’interno della squadra che in dirigenza: se sono arrivata qui è anche grazie a loro. Sempre mettendoci impegno e sacrificio, sono molto contenta di quello che ho fatto al Frosinone. E ho fiducia nel nostro futuro, sono convinta che possiamo fare tanto”. E puntare alla salvezza.