Il vicepresidente del Frosinone Futsal Femminile, Orvino Incelli, si sofferma sulle varie problematiche e i relativi dubbi legati a una stagione diversa da tutte le altre. Riguardo al nuovo protocollo uscito pochi giorni fa, Incelli ha espresso il suo parere, senza nascondere le mille perplessità: “Per noi rispettarlo è quasi impossibile, perché, oltre a problemi economici magari risolvibili, il dilemma più grande è fare i tamponi alle ragazze 48 o 72 ore prima delle gare. È un problema, perché noi siamo dilettanti e quindi la maggior parte delle componenti della squadra lavora e non è facile trovare un orario in cui fare questi controlli. Inoltre, non mancano i problemi di costi, in quanto dobbiamo verificare se nella nostra zona c’è qualche laboratorio che aderisce all’iniziativa della Federlab, visto che, ad esempio, in Sardegna hanno riscontrato questa mancanza”.

L’ATTACCO – Il vicepresidente ha poi raccontato la gestione del periodo di quarantena della squadra, periodo per fortuna ormai superato: “Purtroppo è stata una fase brutta da digerire. Si è cercato di andare avanti con le ragazze che hanno fatto qualche allenamento a casa. Ora dobbiamo ancora trovare la perfetta intesa in campo, ma sono convinto delle potenzialità del gruppo”. Questo weekend il club ciociaro continuerà a non scendere sul rettangolo verde: “Ringraziamo il Santu Predu per aver accettato il rinvio della gara di domani: avevamo ancora qualche dubbio su quale fosse il tipo di protocollo a cui attenersi”, prosegue il vicepresidente, che conclude sollevando un’ultima questione di grande importanza. “Molte società stanno perdendo di vista il fatto che dovremmo avere una meta comune. Ci lamentiamo che il calcio a 5 non cresce, ma mi sto rendendo conto che la colpa è nostra, perché qui si discute di tutto tranne del tutelare le ragazze, e questa è una cosa grave. Per far crescere la nostra attività, dobbiamo proteggere i protagonisti di questo sport e non tutelare in primis le società. So che molte ragazze del campionato hanno firmato una petizione per fermare questa stagione”.

Federico Pucci
*foto: Giulia Marra