La finale con il Molfetta è alle porte e in casa Audace ci si prepara a cogliere il meglio di questa doppia sfida.

Tra sogno e realtà, tra qualcosa di inaspettato e allo stesso tempo di meritato, la squadra vive il momento più magico della stagione. Francesca Rasetti lo sintetizza fedelmente in in questa intervista…

Che effetto vi fa aver vinto questa ultima partita e ritrovarvi in finale?

“Ci fa sicuramente un gran bell’effetto! L’avanzamento in questa fase dei Play Off è senz’altro frutto del lavoro e del sudore di un’intera stagione, caratterizzata da grande impegno e determinazione da parte di tutto il gruppo. Nonostante all’inizio l’obiettivo fosse la salvezza, durante il corso del campionato ha preso sempre più piede all’interno della squadra l’idea e la convinzione di poter andare oltre e toglierci più di qualche soddisfazione”

Adesso arriva il confronto più importante è quello con il Molfetta. Come arrivate a questo match?

“Quella con il Futsal Molfetta sarà una sfida agguerrita, senza esclusione di colpi. Noi arriveremo molto cariche, soprattutto per la gara di andata nel nostro palazzetto, dopo l’ottima prestazione sul campo della Noalese di domenica scorsa. Siamo anche consapevoli però che non sarà affatto facile: per questo affronteremo entrambe le partite a testa bassa, con la grinta e l’affiatamento che contraddistingue questo gruppo”

Qual è la cosa più importante che ti senti di dire alle tue compagne in vista di questa finale?

“Non servono molte parole: quest’anno siamo cresciute insieme, imparando a conoscerci a fondo e instaurando un legame quasi simbiotico. Vorrei che anche in questa occasione ci divertissimo, giocando come sappiamo fare, unite e senza timore”

Qual è invece la cosa più bella che ti è stata detta per il raggiungimento di questo obiettivo?

“La cosa più bella non è stata detta a me direttamente, bensì a tutta la squadra, ovvero che la nostra forza è la coesione tra noi ragazze e con lo staff. Ci consideriamo come una grande famiglia e tutto ciò è semplicemente stupendo. Quindi: forza Audace e avanti tutta!”