Diciotto punti conquistati su ventuno a disposizione, frutto di ben sei vittorie e un’unica sconfitta patita 3-0 per mano del Pescara. Seconda piazza della classifica della regular season a braccetto col Bitonto – piegato 3-2 a domicilio nella seconda giornata – e una sola lunghezza di ritardo dalla capolista TikiTaka Planet. Seppur stavolta non sia partito ai nastri di partenza come la “formazione da battere”, il Città di Falconara sta comunque vivendo un primo scorcio di stagione costantemente tra le zone nobili della Serie A femminile.

IL PUNTO – “Ci sono altre squadre molto forti che si sono rinforzate bene e hanno un bel gioco, ma abbiamo un gruppo solido, forte e che prova a dire la sua in ogni competizione”. Questa la premessa di Isa Pereira, che, al pari delle sue compagne, è determinata nel dare continuità al memorabile biennio scorso: “Credo che nessuno si stanca di vincere – prosegue la portoghese – anzi, i successi ti stimolano a fare ancora di più per poter rimane tra le compagini più forti e, magari, continuare a trionfare. È stato facile mantenere le motivazioni, anche perché ogni vittoria è diversa; le sensazioni sono bellissime, quindi vogliamo continuare a provarle”. Missione, quella di alzare almeno un trofeo per la terza annata consecutiva, tuttavia non semplice per il CdF, che dovrà superare un’agguerrita concorrenza. “Ogni anno – assicura la classe ’95 – il nostro campionato è sempre più competitivo, ci sono nuove difficoltà e cose da migliorare tanto sia per la squadra che per me a livello individuale. È un lavoro continuo”.

MOLFETTA – L’Amazzone di Povoa, insieme al resto delle Citizens, si prepara all’imminente sfida in terra pugliese, che, domenica 27 novembre, vedrà il Falconara far visita alla matricola biancorossa guidata da Diego Iessi: “Mi aspetto una gara tosta – dichiara la numero 16 – e per niente facile. Magari dai risultati non sembra, ma il Molfetta ha buone individualità e giocatrici con esperienza. Giocheremo a casa loro, e, sicuramente, vorranno far vedere che i risultati sono ‘bugiardi’ e uscire da questo momento meno positivo”. Un match, quello del PalaPoli, da non prendere affatto sottogamba. “Dovremo fare una partita intelligente, molto attenta in fase difensiva e mettere in campo quello che proviamo durante la settimana”, conclude Pereira.

Alessandro Cappellacci
*foto: Imatjon