Due vittorie per 6-1 sul Bisceglie. Esterna la prima, casalinga la seconda. Questo il verdetto della doppia sfida dei quarti scudetto, che ha meritatamente premiato il Falconara con la semifinale. Le Citizens, domenica 15 maggio, saranno stavolta alle prese col TikiTaka Planet, l’ultimo scoglio da superare prima della finalissima, suddivisa al meglio dei tre incontri, che assegnerà il tricolore. “Penso che sarà una gara durissima”, esordisce Marta Peñalver Ramón.

TIKITAKA – Nell’unico precedente al PalaRoma, tenutosi lo scorso 28 novembre, il CdF ha impattato sull’1-1 al cospetto delle abruzzesi. “Contro di loro eravamo al completo in campo ed è finita con un pareggio – afferma la spagnola -. Questo ci deve far capire la difficoltà che andiamo a trovare; in più, vengono da due ottime partite giocate ai quarti”. Il roster marchigiano, conscio dunque della pericolosità del team di Edgar Schurtz, è focalizzato unicamente su gara-1. “Un passo alla volta – sottolinea la numero 7 -. Pensiamo a domenica, che già sarà impegnativa. Ottenere un buon risultato lì da loro, sicuramente, ci può dare una grossa mano, però, metto la firma per passare il turno anche in gara-3”.

CRESCITA – Il Falconara, dal canto suo, ha accumulato preziosa esperienza nell’ultimo biennio in match “da dentro o fuori” e nella postseason, un fattore che, sulla carta, potrebbe rappresentare un valore aggiunto contro la matricola Francavilla. “L’anno scorso abbiamo fatto un ottimo campionato e, alla fine, non siamo riuscite ad aggiudicarci lo scudetto – chiosa la nativa di San Javier -. In questa stagione, siamo maggiormente consapevoli di cosa ci vuole per vincere. Sento una squadra più matura e con fame di far ancora bene”. Il CdF è ben lungi dall’essere sazio.

Alessandro Cappellacci
*foto: Imatjon