Tredicesima uscita ufficiale, in campionato, per la Salernitana Femminile 1970 impegnata in trasferta contro il Meta Catania: finisce 1-4 un match combattuto che premia le granata e lancia, cosi, in classifica la formazione di capitan Lisanti e compagne salite a quota 27 punti. La sfida del quattordicesimo turno del girone D di Serie B, il terzo del girone di ritorno, disputata al PalaNitta di Catania vede la Salernitana arrivare dal passo falso interno contro il Reggio SC mentre le padrone di casa dalla sconfitta esterna contro la corazzata CMB. Mister Lanteri si affida dal primo minuto a Di Monaco tra i pali con le gemelle Giugliano, Gonzalez e D’Errico come elementi di movimento.

PRIMO TEMPO – Gara aperta in avvio con Di Monaco prodigiosa su Todaro dopo tre giri di lancette. Le ospiti, però, passano al 5′ con Galan che riceve da Gonzalez ribadendo in rete la prima respinta di Sciacca. Le siciliane tornano subito in gara trovando il pari con Battiato che da fuori area trova l’angolino dove Di Monaco non può arrivare mentre Foti, poco dopo, mette fuori da buona posizione e Scivoletto coglie il palo a due passi dalla porta. Le granata tengono botta e, dopo qualche minuto di sofferenza, si fanno vedere davanti con Antonia Giugliano per passare nuovamente avanti con la sorella Enrica che, in ripartenza, tiene la palla bassa mirando al lato sinistro di Sciacca. Nella parte finale il Meta cerca il 2-2, senza riuscirci, con Foti che trova sul suo diagonale il piede destro dell’attenta Di Monaco mentre sul fronte opposto il tiro di Cipolletta viene murato.

SECONDO TEMPO – La seconda frazione parte sulla falsa riga della prima con due squadre a fronteggiarsi a viso aperto. Al 7′ Li Noce, su punizione, chiama all’intervento l’estremo difensore salernitano con D’Errico, due minuti dopo, imprecisa con il suo destro che si spegne di un metro fuori. Più pericolosa al 10′ Romano che riceve da Galan allargando troppo, in ripartenza, il suo piatto destro largo che grazia Sciacca brava, al 12′, a leggere il passaggio filtrante della 5 spagnola anticipando il taglio di D’Errico. Il tris granata arriva, poi, al 14′ quando da un disimpegno difensivo sbagliato Antonia Giugliano serve Enrica che offre a Gonzalez l’opportunità di insaccare da pochi passi a porta praticamente sguarnita. Il Catania ci prova, subito dopo, con Scivoletto, che mette di poco fuori, per passare poi al quinto di movimento, ma ad andare vicino al poker è Antonia Giugliano chiusa in corner da Sciacca. Va meglio, invece, a Enrica che segna a porta vuota dopo una palla recuperata da D’Errico al 19′. Nell’ultimo giro di lancette ci provano Gonzalez da una parte e Li Noce dall’altra ma termina 1-4 per la Salernitana.

Ufficio Stampa Salernitana