Partita vera fino al 28°, poi tante polemiche. Ma l’obiettivo è stato raggiunto: dopo un anno, il Pescara è di nuovo in finale Scudetto contro il Città di Falconara e potrà difendere il tricolore conquistato proprio al PalaBadiali.

CRONACA – È sempre Belli la più ispirata delle biancazzurre ed è dai suoi piedi che arrivano le due reti del primo tempo (e sono 7 nei playoff), solo parzialmente impattate da Siclari al 10°. Nella ripresa, Rozo è brava ad approfittare di un’indecisione della difesa biancoceleste per mettere dentro il 3-1, poi l’episodio che mette fine al match: dopo un contatto in area, Grieco chiede il rigore ma prende il secondo giallo. Per protesta la Lazio praticamente si ferma e il risultato si arrotonda sul 5-1 con Xhaxho e Ortega. Pescara fino in fondo, la squadra di Morgado ora può tentare uno storico bis.

FUTSAL PESCARA FEMMINILE-LAZIO 5-1 (2-1 p.t.)
FUTSAL PESCARA FEMMINILE: Sestari, Coppari, Belli, Guidotti, Xhaxho, Soldevilla, Jessika, Borges, Ortega, Boutimah, Rozo, Esposito. All. Morgado
LAZIO: Mascia, Siclari, Barca, Bruninha, Neka, Beita, Marchese, Pinheiro, D’Angelo, Grieco, Di Marco, Umbro. All. Chilelli
MARCATRICI: 5’19” p.t. Belli (P), 10’38” Siclari (L), 18’37” Belli (P), 9’46” s.t. Rozo (P), 10’54” Xhaxho (P), 13’11” Ortega (P)
AMMONITE: Belli (P), Grieco (L), D’Angelo (L)
ESPULSE: al 10’45” del s.t. Grieco (L) per somma di ammonizioni, al 11’31” del s.t. Barca (L) e Xhaxho (P)
ARBITRI: Dario Pezzuto (Lecce), Nicola Acquafredda (Molfetta), Giovanni Losacco (Bari) CRONO: Fabio Maria Malandra (Avezzano)

Ufficio Stampa Futsal Pescara Femminile