La Virtus Romagna non si ferma più e continua il suo percorso fatto di sole vittorie. Questa volta i tre punti arrivano dalla insidiosissima trasferta torinese che ha visto le romagnole vincere sulla Top Five per 6-2, al termine di un match particolarmente combattuto.

LA GARA – Una sfida che si è giocata a ritmi alti, con pochi spazi e qualche errore tecnico da una parte e dall’altra. Tutto questo a causa di un campo da gioco particolarmente piccolo e angusto. La Top Five, con grande aggressività, costringe la Virtus a una frenesia non abituale nella gestione della gara, ma il primo tempo finisce comunque sia sul risultato di 2-0 per le romagnole che vanno in gol con De Oliveira e Berti. Anche nella ripresa, nonostante le difficoltà, la Virtus gestisce ottimamente pallone e avversarie, continuando a trovare la via del gol da azione di gioco e non avvalendosi dell’aiuto delle palle da fermo: un elemento che coach Imbriani ha apprezzato particolarmente e che restituisce una squadra pulita tecnicamente, in grado di sviluppare con fluidità buone trame offensive in situazioni di difesa schierata. La doppietta ravvicinata di Silvia Guidi porta le romagnole sul 4-0, cosa che scatena la reazione delle padrone di casa che vanno in gol con Ranieri. Il resto del secondo tempo è un assolo virtussino, con le giocatrici di Imbriani che ampliano ulteriormente il risultato approfittando anche dell’espulsione al portiere di movimento schierato dalle torinesi. Gli altri due gol che chiudono l’incontro sul definitivo 6-2 sono ancora una volta di Berti e De Oliveira. Dunque, una giornata di doppiette per le virtussine, con queste ultime due reti arrivate nel primo caso in situazione di cambio veloce tra portiere di movimento e portiere titolare con Sara Berti che approfitta della porta sguarnita, e nel secondo caso al termine di una bellissima transizione veloce.

DE OLIVEIRA – “Questi tre punti in trasferta sono importantissimi”, commenta Uli De Oliveira, una delle protagoniste del match, al termine. “È molto difficile giocare in un campo così piccolo e anche se non abbiamo fatto una partita perfetta a livello difensivo, è stata una vittoria meritata per ciò che abbiamo saputo costruire”. Una grande prestazione quella di Uli, l’unico innesto estivo proveniente dal mercato per la Virtus, che si è oramai ambientata alla perfezione: “Mi trovo molto bene qui, mi è servito un po’ più di tempo per integrarmi ma credo di esserlo completamente ora. È un ambiente molto tranquillo quello della Virtus e con le ragazze ci si diverte tanto. Mi devo ancora adattare al ritmo partita delle mie compagne e della squadra, ma credo sia una cosa normale dato che si conoscono da parecchio tempo”. Infine, ammette con un sorriso: “Ero un po’ in ansia per il primo gol in maglia Virtus, adesso mi sento più tranquilla”.

FACCANI – A festeggiare nella giornata di ieri è stata anche Susi Faccani, il portiere virtussino. Non solo per la solita ottima e solida prestazione, ma anche e soprattutto per il suo compleanno, che si è ritrovata a festeggiare insieme alla squadra al ritorno dalla trasferta. Faccani: “Passare il mio compleanno in trasferta con la squadra, è stato divertente, soprattutto grazie alla vittoria e alle mie compagne che sono state molto carine e con le quali ho festeggiato insieme dopo la partita”. Una serata perfetta, arrivata al termine di una partita vinta con decisione: “La partita è stata da subito favorevole a noi, siamo scese in campo con l’atteggiamento giusto, andandole a prendere alte e cercando di imporre il nostro gioco e dare loro poco respiro. Sicuramente qualche ripartenza c’è stata, le avversarie hanno pian piano trovato spazi e, dopo una prima fase concitata dove abbiamo attaccato tantissimo e finalizzato poco, abbiamo corso qualche rischio”. Poi prosegue: “Per fortuna allo scadere del primo tempo abbiamo realizzato il 2-0 che ci ha dato un po’ di tranquillità e questo ci ha permesso di ripartire con grande forza anche nel secondo tempo. Sono molto contenta per i goal di Silvia Guidi, Uli e ormai della solita Sara Berti. Continuiamo così”.

Michelangelo Bachetti
Addetto stampa Femminile Virtus Romagna