Dopo la prima roboante uscita casalinga contro il Lamezia, per il Team Scaletta arriva il primo stop a domicilio, che fa eco alla sconfitta esterna subita a Molfetta. Al PalaMili a imporsi è il WFC Grottaglie con il punteggio di 1-4, in un match che ha visto le padrone di casa arrendersi, sin dal primo momento, alla forza e al ritmo imposto delle avversarie. Mister Ivana Cernuto non ha potuto contare nemmeno stavolta su tutta la rosa a disposizione, nonostante il rientro in campo di De Gaetano, infatti, questa volta è toccato fare i conti con l’assenza dell’ultimo minuto, per motivi personali, della pivot Giusy Musumeci con la sola Cucinotta a dover reggere tutto il peso offensivo biancoblu. Per il Team Scaletta il bottino in classifica resta fermo a 3 punti e dovrà necessariamente essere rimpinguato dalla trasferta di Altamura, in programma domenica 6 novembre alle ore 17.00.

PRIMO TEMPO – Parte forte la Wfc Grottaglie con la prima azione a firma del duo Di Sanza-Carrubba con quest’ultima che, dalla distanza, centra in pieno la traversa. Sempre Grottaglie con la sua numero 11 che impegna Arrigo da due passi, poi capitan Soloperto ci prova per ben 3 volte, con la palla che si perde sul fondo dopo l’ultimo tentativo. Sul primo angolo del match per le pugliesi, ospiti che passerebbero in vantaggio ma gli arbitri decidono di annullare per un blocco irregolare ai danni di Marguccio. Carrubba per Soloperto, deviazione di quest’ultima che esce di pochissimi centimetri. È sostanzialmente il preludio al gol, che avviene nell’azione successiva con palla persa in ripartenza dallo Scaletta, recupero di Rolon che serve Cardolini che insacca sul primo palo la porta difesa da Arrigo. Team Scaletta che sembra svegliato da questo goal, Pensabene recupera palla e serve De Gaetano, numero 18 che entra in area e cerca il piazzato di destro ma trova un’attenta Trumino. Rolon prova a rendersi nuovamente pericolosa ma in ripartenza, asse Marchetta-De Gaetano, conclusione inizialmente respinta da Trumino e tap-in vincente di Cusumano per la nuova parità. Ci si aspetterebbe l’inizio di un nuovo match e invece torna il canovaccio dell’inizio con Grottaglie che comanda il gioco e Scaletta che cerca di contenere. Un potenziale recupero palla di De Gaetano con annesso contatto non fischiato con Rolon, sono le premesse che portano alla superiorità numerica del Grottaglie, Nogales in mezzo e Di Sanza fa 1-2. Ancora una scatenata Nogales recupera palla e lancia l’ennesimo contropiede ma nemmeno stavolta Rolon riesce a concretizzare.

SECONDO TEMPO – Scaletta che tenta di tornare nel match e tenere il Grottaglie nella sua metà campo. Angolo di Cusumano, scarica per Pensabene che esplode il gran destro, alto di nulla. Azione fotocopia poco dopo, stavolta il tiro piazzato è di Cusumano, ma anche stavolta il pallone accarezza il palo e va sul fondo. Grottaglie che si fa vivo sfruttando le amnesie difensive della squadra di casa, ci provano prima Capalbo fermata da Arrigo e poi Nogales che non centra lo specchio. Ghiottissima l’occasione capitata a De Gaetano che recupera palla e si invola uno contro uno, scarta Trumino ma quest’ultima è bravissima da terra a toccare e deviare la palla in angolo. Arrigo nega la gioia del goal a Capalbo, servita da Nogales, e tiene ancora in partita le sue compagne. Match che si chiude poco dopo in maniera più che sfortunata, ancora Nogales a far la sponda e sempre per Capalbo, Pensabene si inserisce a chiuder tutto ma il suo rinvio, pesca il piede di Capalbo e la traiettoria diventa un pallonetto per Arrigo e vale l’1-3. Scaletta che accusa il colpo e capitola definitivamente sul 1-4 con la rete messa a segno da Nogales a porta vuota.


Ufficio Stampa Team Scaletta