Una brutta sconfitta con il New Team Noci e quella casella ancora a zero punti. Il Cus Cosenza domenica in casa contro il Borussia Policoro se la giocherà per i tre punti. Maria Grazia Merante, ha commentato così il momento della squadra calabrese:

“Con il Noci è stata una brutta sconfitta che non si aspettava nessuno, neanche noi. Siamo partite concentrate durante il riscaldamento perché credevamo nella vittoria. Poi, dai primi minuti, sono mancate subito lucidità e determinazione che hanno compromesso le sorti della gara”.

Qual è, secondo te, il “problema” del Cus?

“È come se qualcosa ci bloccasse a livello mentale perché per quanto riguarda la condizione fisica lavoriamo bene ogni giorno grazie allo staff. Eravamo consapevoli  di quanto il Noci fosse una squadra che avrebbe imposto il proprio gioco, eppure non siamo riusciti ad arginarlo. C’è sempre da migliorarsi e sicuramente noi dobbiamo ancora lavorare molto sulle tecniche di gioco che ci aiuteranno, poi, a trovare in campo quella complicità e determinazione che serve per portare a casa le vittorie”.

Domenica c’è il Borussia Policoro ma la strada è ancora lunga, forse serve solo tranquillità.. che ne pensi?

“Abbiamo tanta strada da fare per collezionare esperienze, queste sconfitte ci aiutano a migliorare gli aspetti negativi del nostro gioco. Da neo arrivata posso dire che l’obiettivo reale del Cus Cosenza è finire la stagione nel migliore dei modi portando in campo non solo l’unione che da sempre ci caratterizza anche nelle sconfitte, ma anche tutti i sacrifici fatti durante la preparazione”.

S. Cer.