Il “tour a distanza” di Ladyfutsal continua. Oggi è il CUS Cosenza a raccontarci come sta vivendo personalmente la tragica situazione che ha colpito l’Italia, e lo fa tramite le parole di Miriana Galatà: volto storico della compagine calabrese, Miriana ha commentato il delicato momento con realismo, ma anche con positività e sprone a non mollare.

“Ciao Ladyfutsal! Purtroppo ci troviamo in un momento storico molto critico per il nostro Paese e per tutto il mondo. Ci troviamo a fare i conti con una situazione anomala che ha stravolto completamente la vita di tutti noi. Sembra di essere dentro a un film, ma purtroppo così non è. Riceviamo ogni giorno delle notizie strazianti e quando arriva l’ora del bollettino giornaliero l’aria si fa pesante e l’angoscia prende il sopravvento”. Essere unite in momenti simili aiuta tantissimo: “Con le ragazze ci teniamo in contatto costantemente, cercando di continuare a vivere le nostre cose anche da lontano. Non è sicuramente facile per nessuno, è difficile rinunciare alle proprie abitudini e alla quotidianità ma adesso dobbiamo farlo per il bene di tutti. Nel nostro piccolo cerchiamo di fare l’unica cosa che davvero può aiutare a sconfiggere questa pandemia, e cioè #RestiamoACasa. Lo dobbiamo a chi in prima linea ogni giorno affronta questo maledetto virus”.

La squadra continua ad allenarsi come può: “Il nostro preparatore ci invia quasi giornalmente i programmi da seguire. Devo ammettere che è difficile allenarsi in casa, essere costanti e allenarsi con la stessa voglia, lontana dal campo e dalle compagne. Però sono sicura che ognuna di noi sta facendo uno sforzo per continuare a mantenere la condizione fisica”. Inevitabile chiedere a Miriana, che si occupa anche della pagina Instagram del CUS, quanto si stia rivelando importante l’utilizzo dei social in casi del genere: Noi ragazze ci sentiamo ogni giorno, è impossibile non farlo, siamo una squadra molto unita! Passiamo la maggior parte del nostro tempo insieme condividendo gran parte delle cose… È difficile stare lontane! Adesso, come non mai, tutti stiamo capendo l’importanza dei social e stiamo rivalutando il loro utilizzo: è solo grazie a questi se riusciamo a condividere qualcosa anche da distanti, così da sentirci più vicini. In questo periodo prendiamo tutto ciò che di buono c’è dei social, partecipiamo alle varie challenge che spopolano sul web in maniera da mantenerci attive, distrarci e divertirci. Cerchiamo di condividere un po’ di positività”.

Per Miriana, il CUS Cosenza è ormai una famiglia, una di quelle dove regna l’unione: Questo è il mio sesto anno al CUS e anche se quest’ultimo si sta chiudendo in una maniera del tutto inaspettata, è stato speciale come tutti gli altri. Ho conosciuto delle persone bellissime con le quali ho instaurato un rapporto che va oltre il semplice rapporto di squadra. A partire dal mister fino all’ultima arrivata, ognuna di loro è speciale. Ci ripetiamo sempre di essere una grande famiglia, ed è vero! E questo rende impossibile distaccarsi da questo ambiente”. Sul momento più bello vissuto finora: “Difficile decidere e scegliere, ogni momento passato con la squadra mi ha lasciato un’impronta e un ricordo indelebili. Diciamo che mi piace pensare che il momento più bello è quello che deve ancora arrivare!”.

Infine un bel pensiero: Voglio chiudere con le parole di Papa Francesco: ‘E ci siamo accorti che non possiamo andare avanti ciascuno per conto suo. Ma solo insieme. Nessuno si salva da solo’. Noi sportivi lo sappiamo bene, è un po’ quello che succede nel nostro mondo. Una squadra funziona bene solo se tutti i suoi componenti lavorano insieme e in armonia. Adesso tutti uniti siamo chiamati a fare squadra per vincere la partita più importante, quella contro il Coronavirus! Quando ne usciremo ci sentiremo ancora più forti! #andràtuttobene”. 

Valentina Pochesci