Alla fine ha ottenuto i tre punti, ma, quando è andato via da Rende, il Molfetta ha avuto l’ulteriore conferma di un pensiero comune nel girone D: il CUS Cosenza ha le qualità per giocarsela a testa altissima al cospetto di chiunque. Simona Aprile torna sulla grande prova delle gialloverdi contro una delle capolista e fa il punto della situazione in un momento chiave della stagione.

APRILE – “Domenica abbiamo dato tutte il massimo, offrendo un’ottima prestazione”, la premessa della giocatrice. Già, perchè il CUS si era portato in vantaggio, tenendo il campo con il piglio di una big prima di subire la rimonta ospite: “È venuta a mancare la giusta incisività, ma anche un po’ di fortuna. Bisogna fare i complimenti a tutta la squadra per la partita disputata”. Un match che, al di là dell’1-3 sul tabellone, infonde un’enorme fiducia nel gruppo di Postorino: “L’obiettivo principale resta la salvezza, ma ci teniamo a finire in una buona posizione, dato che lavoriamo duramente per meritarla”. L’occasione per tornare a correre è il prossimo impegno con la Salernitana: “A causa del virus non abbiamo avuto ancora l’occasione di incontrare questo avversario. Guardando la classifica, sappiamo che sarà una sfida difficile e lottata – avvisa Aprile -. La affronteremo, come sempre, con la voglia di fare risultato”.

Redazione