La maglia numero 7 ce l’ha ormai “tatuata” sulla pelle. Corin Pascual, bandiera e simbolo del Città di Falconara, fa il punto su un inizio di stagione in salita, complici assenze importanti, quelle di Lidu Alves e Shai De Camargo. “Contro il Cagliari abbiamo avuto una reazione ma purtroppo non è bastata, dobbiamo lavorare sodo e tanto, solo così arriveranno i risultati, ma è anche vero che con due persone importanti fuori diventa anche difficile; ma credo che con il lavoro, giorno dopo giorno, arriveranno anche le soddisfazioni!”

E’ arrivato il tuo goal alla prima in casa. Quanto è stato importante per te realizzarlo?
“Per me segnare non è stato mai la cosa principale, sono felice ma lo sarei stata di più se i tre punti fossero restati qui a casa, quindi non ha molta importanza il goal”
Dopo il vantaggio, cosa vi è mancato nella ripresa per chiudere la gara contro il Cagliari?
“Molto probabilmente ci siamo rilassate, siamo anche calate fisicamente e, purtroppo, non abbiamo difeso nella giusta mentalità il risultato. In questo sport non puoi mollare mai un secondo, altrimenti l’avversario si prende la tua casa e conclude dove tu fai dei errori. Dobbiamo lavorare sopra ad ogni errore!”
Ora vi aspetta una sfida importante in chiave classifica. In casa del Grisignano è importante vincere ma non sarà facile… Che gara ti aspetti?
“Indubbiamente è la ‘partita’ e per noi, come per loro, è importantissimo guadagnare tre punti; dunque mi aspetto una partita intensa, dove sicuramente vincerà chi gestirà meglio ogni situazione. Gli errori in questo caso non sono permessi quindi dobbiamo essere concentratissime e portare a casa i tre punti, non c’è un altro obbiettivo che i tre punti. Sono certa che faremo di tutto per prenderci quello che abbiamo già lasciato sabato scorso a casa; è ora di prenderci quello che è nostro!”