Una favola che non finisce mai, quella di Tiziana Pro: classe ’66, la giocatrice della Coppa d’Oro Cerveteri domenica scorsa ha siglato il suo terzo gol in A2 in tre anni. Un record incredibile, frutto di tenacia e passione che non possono che essere da insegnamento per tutti coloro che amano e praticano questo sport. Ormai per noi di Ladyfutsal è una felice tradizione intervistarla: ecco dunque cosa ci ha rivelato questa eterna ragazza di 53 anni.

Tiziana, come ogni stagione rieccoci qui: un altro gol, sei da record!

“Record? Penso proprio di sì, come dice mister Sanzari è un record su me stessa! Scherzi a parte, per me è sempre un’emozione: lo dicono sempre le mie compagne, arrivarci alla mia età sul rettangolo di gioco…! La cosa che mi rende più felice è che loro si emozionano insieme a me. Per me ogni gol è come se fosse il primo. E anche stavolta mi sono emozionata, poi con l’età ancora di più, la difficoltà aumenta e quindi è un immenso piacere. Lo condivido con le mie compagne, perché è anche merito loro”.

A chi dedichi questo ennesimo traguardo?

“Lo dedico appunto alle mie compagne, allo staff che è molto unito, e chiaramente al presidente perché mi dà ancora la possibilità di giocare. Ma in particolare lo voglio dedicare a una nostra compagna che spero torni presto con noi, Clelia Stuppino. Infine mi auguro che questo non sia l’ultimo traguardo per me: il prossimo anno spero, nel mio piccolo, di poter dire ancora la mia. Poi io sono felice lo stesso, perché collaboro anche con lo staff e sono contentissima di far parte di questa realtà. Siamo un bel gruppo, con delle persone che da tanti anni lo portano avanti con serietà e professionalità. Spero che possa andare avanti nel tempo e arrivare a vincere qualcosa d’importante… ma questo non lo diciamo!”.

Ci sono stati i consueti festeggiamenti per il tuo gol?

“Sì, adoro festeggiare con la squadra: le ragazze sono contente per me ma anche per loro, perché porto da mangiare e come al solito sono le prime in classifica in questo! A parte gli scherzi, sono contentissima di questi miei risultati. Prossimo obiettivo? Per me è più una promessa fatta a mio padre, che ho perso tanti anni fa: gli dissi che fino a che il mio fisico me lo avrebbe permesso io avrei continuato. Lui era il mio primo estimatore e da lassù sicuramente mi dà la forza per andare avanti”.

Tiziana, concludiamo parlando della squadra: siete in prime in classifica insieme al Fondi. Sensazioni?

“Quest’anno siamo salite di livello: abbiamo fatto due acquisti importanti e la squadra ha preso una certa strada. Per superare le difficoltà iniziali, mister Sanzari, il suo vice D’Amico e il preparatore Rossano Mastrodomenico hanno fatto un gran lavoro sul gruppo e i nuovi arrivi, che anche se magari non ne avevano bisogno si sono messe a disposizione e hanno lavorato molto bene con noi e lo staff. Grazie anche al vecchio gruppo, solido e che va avanti con la stessa mentalità degli anni precedenti. Abbiamo un desiderio importante da realizzare che coltiviamo da tempo, ma che non sveliamo per scaramanzia. Poi vinca il migliore: siamo sportive e in campionato chi arriverà in vetta se lo meriterà. Noi diremo la nostra”.

Valentina Pochesci