Malgrado la sconfitta nella gara con la Virtus Ciampino, le ragazze della Coppa d’Oro Cerveteri non si abbattono. Guardano avanti, consapevoli che la loro forza più grande è proprio il gruppo stesso, la capacità di far fronte tutte insieme ai momenti no. E’ quanto emerge anche dalle parole di Alessia Catrambone, raccolte in esclusiva da Ladyfutsal.

Alessia, domenica una sconfitta nel big match con il Ciampino…

“Domenica è stata una sconfitta amara, più che altro perché abbiamo creato tanto e segnato poco. Quando una partita viene segnata dagli episodi si crea frustrazione e ti lasci non dico andare, però è difficile riprenderla. Anche perché abbiamo subìto il 3-1 nel nostro momento migliore. Diciamo che tutto quello che poteva andare storto è andato storto”.

Come si riparte?

“Siamo un gruppo e riusciamo ad esserlo anche in questi momenti. La cosa positiva è che non si crea mai screzio, anzi c’è sempre un dialogo costruttivo”.

Entriamo un po’ nello spogliatoio: c’è un rito, o comunque un’abitudine, che secondo te racconta bene chi siete?

“Riti? Non ne abbiamo. Il nostro rito migliore è il dialogo”.

Finora, qual è stata la soddisfazione più grande alla Coppa d’Oro per te?

“Tutte le volte in cui sono ‘caduta’ ho avuto sempre qualcuno che mi ha aiutato a rialzarmi. La soddisfazione è proprio poter sempre contare su qualcuno, cosa che invece può non accadere in altre squadre”.

Valentina Pochesci