E venne il giorno del terzo acquisto in casa biancorossa. Questa volta il nome è davvero importante; fortemente voluta dalla nostra DS Stefania Ballarino, alle “dipendenze” di mister Iessi, arriva uno dei migliori portieri della Serie A: Tiziana Liuzzo!

Classe ’86, calabrese, proveniente dal Royal Team Lamezia è stata determinante per l’approdo della sua squadra ai play off nazionali.

Raccontaci di te. Da dove vieni e dove hai giocato?

“Sono Tiziana e ho 31 anni, vengo da Crotone, città che mi ha vista nascere calcisticamente”.

Hai sempre e solo giocato a calcio a 5 (e se si in quali squadre e quale era il tuo ruolo) oppure anche a calcio a 11 o altri sport?

“In realtà mi sono affacciata tardi al futsal; infatti questo è solo il mio 7 anno, però da quando ho iniziato ho sempre e solo giocato a calcio a 5 come portiere, esordendo nella mia città con il “Centro Salute Turano” in serie C e quell’anno arrivò anche la prima convocazione con la rappresentativa calabrese, poi un anno a Bologna nella Fossolo 76, successivamente Woman Soccer Catanzaro, prima in serie C, con cui abbiamo guadagnato la promozione in serie A, di nuovo il Catanzaro in serie A , poi un anno con la Polisportiva Cutro in serie C, prima di approdare allo Sporting Locri dove per due anni abbiamo fatto il campionato di serie A élite e infine l’anno scorso nella Royal Team Lamezia in serie A…Prima mi dilettavo in altri sport come il nuoto e il taekwondo”.

Cosa hai imparato dalle esperienze passate e cosa ti trasmette il futsal?

“Il futsal come lo sport in generale insegna valori che poi ti riporti nella vita, come l’amicizia che si crea con le tue compagne, il rispetto per gli avversari e delle regole; come tutti noi, dalle esperienze passate mi porto dietro buoni e cattivi ricordi, quelli buoni sono tutte le emozioni e le soddisfazioni che questo sport ti regala, come a volte anche una qualificazione strappata all’ultimo secondo grazie al sacrificio della squadra, le trasferte fatte insieme le risate e i sacrifici che ognuna di noi compie per arrivare fino in fondo, di negativo purtroppo ci sono le difficoltà che qualche volta con delle società abbiamo incontrato, magari a livello economico e questo mi dispiace perché ci fa capire che ancora non sono tutti pronti ad investire nel calcio femminile, come questa disciplina meriterebbe”.

Quale pensi sarà il tuo ruolo nel Futsal Molfetta? Conosci già qualcuno? “Quest’anno quando è arrivata la chiamata del Futsal Molfetta sono rimasta molto lusingata dal grosso intesse mostrato nei miei confronti, sono abituata a dare sempre il massimo e spero di poter fare sempre meglio così da ripagare la fiducia che mi è stata data. Di questa società conoscevo già Barbara Mazzuoccolo, con cui ho avuto il piacere di giocare a Locri e con cui è nato un rapporto di amicizia, il ds Stefania Ballarino, che ha saputo essere molto convincente e il Mister Iessi e un po’ in generale alcune delle ragazze che già ci giocavano l’anno passato”.

Come ti sei avvicinata alla futsal e cosa ti spinge a fare parte di questa squadra?

“Quando mi hanno contattata mi ha subito colpito l’impegno e la professionalità con cui hanno portato avanti la trattativa e mi ha convinto il progetto fatto da loro per quest’anno che sono sicura ci porterà al raggiungimento di obiettivi importanti e a delle grosse soddisfazioni..”.

Che cosa pensi di dare in più alla squadra e soprattutto, cosa ti aspetti in quest’anno nella rosa molfettese?

“Spero di poter dare un contributo importante alla società al mister e a tutta la squadra, siamo un bel gruppo e lo dimostreremo”.

Pino Ragno – Ufficio Stampa Futsal Molfetta