Ultime battute di mercato e che colpo per il Città di Falconara. La società marchigiana, attraverso il gm Lorenzo Mondini, ha raggiunto l’accordo con la brasiliana Fernanda Borzuk de Lima, meglio conosciuta come Nanà, protagonista lo scorso anno della promozione del Florentia in Serie A. La stretta di mano, con presentazione della giocatrice, in riva al mare a Marina di Montemarciano all’Osteria Pizzeria AB di Alberto Berardi, presidente onorario del sodalizio di via dello Stadio.

Brasiliana con spiccato senso del gol, 33 anni, Nanà è in Italia dal 2013 e vanta nel suo palmares due scudetti (Lazio 2013/2014 e Montesilvano 2015/2016) e una Coppa Italia (Lazio 2013/2014). «Sono molto felice di essere qui – ha commentato Nanà durante la presentazione – ho sempre sentito parlare bene di Falconara e devo ammettere che questo ha influito molto sulla mia scelta. Mi aspetto un bel campionato. Conosco già alcune delle mie nuove compagne e penso che riusciremo a far bene insieme. Ho già avuto modo di parlare con il mister e ha in mente per me il ruolo di pivot puro che è quello che preferisco». Un bel regalo per mister Massimiliano Neri, pronto a far esordire la brasiliana già domani in amichevole con la FiberPasta Chiaravalle, gara di solidarietà con ingresso a offerta libera. Il ricavato sarà devoluto alla Ylenia Morsucci onlus, associazione nata a seguito della prematura scomparsa della 18enne pallavolista falconarese a causa di una leucemia. Si gioca alle 17.30 al palasport di Chiaravalle.

«Con Nanà è stata una trattativa molto veloce perché ci siamo trovati subito in sintonia – spiega Lorenzo Mondini – per noi si tratta di un valore aggiunto, per senso del gol ed esperienza, in un roster che è il giusto mix tra giocatrici affermate e giovani che possono crescere e farsi spazio nel futsal. Il curriculum di Nanà parla da solo: a livello di club ha vinto tutto quel che c’era da vincere. È una giocatrice di grande spessore, una top player che con la sua professionalità e i suoi gol saprà conquistare il pubblico del PalaBadiali ed essere un punto di riferimento per le giocatrici più giovani».

Ufficio Stampa