L’Epifania del CLT ha l’oro in bocca, lo stesso metallo della medaglia che le ragazze del calcio a 5 hanno conquistato sabato 6 gennaio nella finale di Coppa Italia umbra. Un successo che arriva un anno dopo il secondo posto ottenuto dalle aziendali che avevano ceduto alla Grifo Perugia: un percorso che testimonia una sicura crescita della formazione guidata da mister Nicola Ugolini, alla sua quinta finale giocata in carriera. L’avversario di turno era il MSG Rieti che quest’anno aveva battuto le gialloblù nel girone eliminatorio per 2-1. Favore ricambiato dal CLT nella partita più importante, quella che ha decretato il CLT campione.

LA CRONACA – Il CLT parte con Fontana tra i pali, Quirini, Margutti, Martella, Timo. A disposizione: Rizzo, Marcelli, Leonardi, Giovannucci, Cordovani, Nannurelli, Torelli, Angeletti, Favetta. Primo tempo di grande equilibrio con i primi 15 minuti ad appannaggio delle aziendali che pressano fortissimo a tutto campo e riescono a soffocare le manovre avversarie; dopo le occasioni capitate sui piedi della subentrante Torelli, Timo e la traversa di Quirini, è proprio la numero 9 a rubare con un break la palla al Rieti e a concludere di destro, non il suo piede, tra le gambe dell’estremo difensore amaranto. CLT in vantaggio e che ha anche un paio di occasioni per raddoppiare, poi è la pressione del Rieti a salire, in cattedra su tutte Alice Angeletti che cerca prima una puntata sul secondo palo deviata miracolosamente da Fontana e poi serve una palla d’oro ad Acquafredda, anche lei murata dal numero 12 gialloblù. A un minuto dal termine arriva la doccia fredda: Margutti perde una palla al limite dell’area, Angeletti sterza su Timo e spacca la porta delle aziendali, nel recupero ancora una buona occasione per le reatine, ci mette una pezza Fontana e si va al riposo in pareggio. Parte di nuovo fortissimo il CLT: Quirini ruba una palla a metà campo e si invola verso la porta avversaria da sola ma apre troppo di sinistro e conclude a lato, poi in successione tre miracoli del portiere reatino su Timo, Torelli e di nuovo Quirini. Al sesto minuto punizione dal limite. Va ancora Quirini che questa volta incastra la palla sotto la traversa ed è 2-1 CLT, risultato che resisterà fino al termine nonostante un’altra traversa per le gialloblù e almeno 4 interventi prodigiosi del portiere reatino. Di contro, un paio di buone occasioni del Rieti: la prima stoppata da Fontana e la più ghiotta è sui piedi di Acquafredda all’ultimo minuto che calcia a lato.

UGOLINI – “È il coronamento di un percorso che abbiamo portato avanti con tenacia, senza mai scoraggiarci – afferma mister Ugolini -. Abbiamo un’età media di 21,8 e questo dimostra quanto negli anni abbiamo investito sulle nuove leve, tenendo d’occhio anche il territorio, dimostrando una grande conoscenza di tutte le ragazze. Oggi io, la società e le ragazze, alcune sono con noi da quando erano piccolissime, abbiamo raccolto i frutti di un lavoro visionario, in cui molte volte siamo arrivati a un passo ma abbiamo dovuto applaudire le avversarie. Questo non ci ha fermato, anzi, ha insegnato a tutti noi quant’è bello lottare per raggiungere un traguardo. Quirini oggi è stata eccezionale ma in uno sport come questo non si vince da soli: la squadra ha fatto una partita meravigliosa e tutte, anche chi non è entrato, hanno preparato questo match con il piglio giusto e questo in campo si è visto. Non dimentico le ragazze che sono state con noi negli scorsi anni e che oggi sono altrove per vari motivi. Questa vittoria è anche loro, hanno permesso a questo gruppo di crescere, di rimanere sempre una realtà importante e soprattutto hanno indicato alle più giovani la strada del rispetto e del sacrificio, un nome su tutte a rappresentarle Elisa Taragoni, capitano di tante battaglie. Un pensiero alle avversarie, so quant’ è dura perché ne ho perse di finali ma voglio complimentarmi con loro perché hanno lottato strenuamente fino alla fine, anche con qualche defezione. Hanno una giocatrice straordinaria che è Alice Angeletti ma le sue compagne non sono da meno. Hanno dimostrato anche ieri di essere una realtà importante di questo movimento dove, se vogliamo crescere, è importante che più realtà facciano un lavoro proficuo come CLT e Rieti”. Ora la Coppa si spoglia dei vestiti regionali e diventa Nazionale: prossimo appuntamento è fissato per il 31 gennaio a Roma contro la formazione dell’FB5 Team Rome, ritorno il 14 febbraio a Terni dove le aziendali dovranno traslocare per regolamento su un impianto al chiuso e chissà che non possano inaugurare il nuovo Pala Di Vittorio.

Ufficio Stampa Clt Terni