Il 2018 non si è chiuso nel migliore dei modi per il Civitanova Dream Futsal, sconfitta per 1-3 nel derby con il FiberPasta Chiaravalle. Ma per la squadra allenata da mister Angeletti non è tempo di demoralizzarsi. L’obiettivo? Ripartire. Già dalla partita di domenica contro il Colombine.

Lo sa bene Norma Giuva, calcettista millenial in forza alle marchigiane, che analizza il momento della squadra e traccia un bilancio sul girone d’andata.

Norma, avete chiuso il 2017 con una sconfitta nel derby con il FiberPasta Chiaravalle…

In certe fasi della partita siamo state poco concentrate e le avversarie, dopo il nostro vantaggio, sono state brave a non demoralizzarsi. C’è delusione perché abbiamo subìto dei gol evitabili e continuiamo ad esser poco lucide sotto porta; il problema che ci portiamo dietro da inizio anno. Dobbiamo lavorare su questo e sul livello di concentrazione in campo”.

Dopo un buon avvio, avete perso qualche punto; gli obiettivi di squadra ne escono ridimensionati?

“Rimaniamo consapevoli delle nostre potenzialità anche se, dopo un buon mercato e una discreta partenza in campionato, abbiamo un po’ rallentato anche a causa, forse, di un po’ di inesperienza. L’obiettivo rimane comunque quello di dimostrare, già dalle prossime partite, il nostro vero valore”.

Cosa salveresti del girone d’andata e su che cosa si deve migliorare?

“Dobbiamo evitare questi blackout; rimanere sempre concentrate perché non possiamo permetterci di sottovalutare nessun avversaria. Ripartiamo dalla buona prima parte del girone di andata perché ci è mancato qualcosa in queste ultime partite a livello di grinta e consapevolezza dei nostri mezzi, ma la squadra non molla”.

Domenica riparte il campionato con la partita contro il Colombine; che idea ti sei fatta?

“Non sarà una partita scontata e noi ci stiamo allenando al massimo per farci trovare pronte, anche perché da queste gare si potrebbe delineare l’andamento del girone di ritorno. Un risultato positivo ci permetterebbe di risollevare classifica e morale”.

Come valuti la tua stagione finora?

Credo di poter migliorare ancora tanto; crescere mentalmente e acquisire un po’ più di consapevolezza nei miei mezzi è uno degli obiettivi che mi sono posta per questo girone di ritorno. Sotto questo profilo cerco di rubare con gli occhi alle compagne con più esperienza, come Silvia Giosuè e il capitano (Michela Ciccioli, ndr); ragazze di cui ammiro, oltre che le doti tecniche, le qualità umane”.

L’augurio per questo 2019?

Spero che la squadra possa centrare gli obiettivi prefissati e togliersi le soddisfazioni che merita. E poi, come ogni sportivo, un giorno mi piacerebbe poter indossare i colori della Nazionale”.

Marco De Santis