Le 13 partite, tra campionato e Coppa, senza sconfitta sono già di per sé un record. Ma al CF Pelletterie, come ogni realtà che punti al successo, non c’è tempo per battere la fiacca e crogiolarsi nei successi.

È per questo che la sconfitta maturata nel match al cardiopalma contro il Granzette, valida per l’accesso alle Final Four di Coppa Italia di A2, oltre che estromettere le rosanero a pochi giri dal traguardo, è doppiamente dura da mandar giù.

Un passo falso che fa male, è vero, ma anche un modo per mantenere alta la concentrazione e per dimostrare ancora una volta che in questo sport, così come nella vita, il modo per arrivare al successo è solo uno: risollevarsi dopo una sconfitta e far buon uso dei nostri sbagli.

Linda Camelli, calcettista rosanero alla prima esperienza in Serie A2, racconta della partita e svela qual è la sua personale ricetta per ripartire dopo la delusione in terra veneta.

Linda, una sconfitta a pochi minuti dal termine; come sta la squadra?

È stato un match emozionante ma la delusione è tanta perché si trattava di una partita da portare a casa. Potevamo e dovevamo sicuramente fare meglio; siamo state brave a reagire ma poco concentrate nel momento in cui si trattava di mantenere il risultato. Onore comunque alle avversarie che sono state brave a sfruttare i nostri errori e portare a casa la gara”.

Peraltro è la vostra prima sconfitta stagionale; come la si affronta e da cosa si deve ripartire?

“Quando perdi delle partite così importanti c’è sempre il rischio che si possa incrinare l’equilibrio all’interno della squadra, ma siamo un gruppo compatto e con tanta voglia di ripartire subito. Dimentichiamo la Coppa; l’obiettivo è il primato in campionato e solo attraverso il duro lavoro potremo raggiungerlo”.

Per quanta riguarda te, invece; come sta andando questa prima stagione in A2?

“Ho accusato un po’ il cambio di categoria ma c’è tanta voglia di crescere e, sono convinta, questo è l’ambiente giusto per farlo. Sono stati dei mesi faticosi ma sono contenta; ho accolto questa sfida come un modo per superare i miei limiti e non mi arrendo sicuramente alle prime difficoltà. Spero di esser tra le protagoniste nel girone di ritorno, dando un apporto concreto alla mia squadra”.

Domenica il campionato: la partita con il Firenze per riprendere il cammino…

“È una partita importante perché veniamo da una sconfitta e ci teniamo a chiudere da imbattute il girone d’andata. Affrontiamo una squadra che non possiamo permetterci di sottovalutare; sarà una bella gara che sicuramente entrambe le squadre giocheranno per vincere”.

Marco De Santis