Il CF Pelletterie ha dato vita sulla propria pagina Facebook ad una rubrica di “interviste senza domande”. L’idea, oltre che essere simpatica, ci permette di restare in contatto con le giocatrici di futsal che, ragion forza, sono lontane dai campi, almeno in termini di distanza, non certo con il cuore.

Oggi è il turno di Lara D’Amato, arrivata proprio in estate al club toscano.

“E’ e sarà importantissimo come sapremo valorizzare e appoggiare il lavoro di tutte le forze competenti in campo: medici, infermieri, forze dell’ordine, volontari e tutti coloro che si adoperano per mantenere vive le attività che rispondono alle nostre necessità primarie e, soprattutto, ci permettono di sognare e sperare di poter continuare a trovarci a gareggiare con nuovo spirito e nuova consapevolezza”. Questo il primo messaggio dell’universale di casa CF Pelletterie.

La giocatrice pone l’accento su speranza e solidarietà, due temi che in questi mesi sono ricorrenti anche nei telegiornali: “Penso che la speranza non debba morire, perché sono sicura che ci aspetta un domani durante il quale sapremo vederci con occhi diversi, sapremo valorizzare ogni minuto e ogni piccolo particolare dei nostri incontri, che forse nel passato abbiamo distrattamente trascurato”.

Quello che conta, conclude Lara D’Amato, “è sentirsi solidali e uniti anche virtualmente al di là dei luoghi e degli spazi reali che hanno visto le nostre splendide e appassionate esperienze calcistiche. Dobbiamo sentirci uniti su questa barca in mezzo alla tempesta per trovare la forza e le strategie per uscirne tutti insieme”.