Ilaria Centola e Virtus Ciampino. Fanno rima, rileggete. Ilaria Centola e Virtus Ciampino, da metà decennio questo binomio è una cosa sola. Una è il capitano della squadra, l’altra è la squadra dei sogni del suo capitano: “Questo è il mio quinto anno con la Virtus. Cinque anni in cui questa squadra e questa città sono sinonimo di casa. Tra me e la società c’è un ottimo rapporto”. Impossibile non credere alle parole di Centola, che a Lady Futsal ha parlato dei punti deboli e di forza della sua Virtus.

In Coppa delle Divisione avete perso contro la Lazio con tutte le attenuanti del caso, però forse vi aspettavate di più. In cosa deve migliorare la squadra secondo te?

La differenza di categoria tra noi e loro si è sentita. Comunque, abbiamo messo in pratica quello che il mister ci aveva chiesto e non abbiamo mai lasciato la presa nonostante un passivo importante. Forse a livello di mentalità avremmo potuto dare di più, ma sono certa che il tempo e lo staff ci aiuteranno a migliorare anche in questo aspetto. Sicuramente c’e tanto da lavorare, ma mi sento di dire che siamo in crescendo e che quest’anno ci divertiremo davvero.

E invece, in cosa non avete rivali?

Il nostro punto di forza è il sorriso con cui scendiamo in campo e ci rapportiamo all’interno dello spogliatoio. Tra noi ragazze c’è un bel clima, ci divertiamo. Stiamo costruendo qualcosa di veramente bello grazie alla semplicità di un gruppo che ha grande voglia di vivere insieme quest’avventura, a prescindere da ciò che verrà in futuro. Ognuna di noi ha un carattere forte, ma nonostante questo ci mettiamo tutte a disposizione l’una dell’altra. Questo credo sia il risultato più bello dopo un solo mese di attività.

Parole al miele, che prendono forma e si trasformano in una vera e propria dichiarazione d’amore alla domanda: “Cos’è per Ilaria Centola il futsal?

Per me la Virtus Ciampino è il futsal. Che vuol dire passione, famiglia. Loro sono la mia famiglia, nel vero senso della parola.

Ilaria Centola e Virtus Ciampino, una rima baciata.