Sarà una domenica di fuoco, quella che attende il Città di Falconara nel post-pausa Nazionale. A partire dalle ore 18.30 del 2 ottobre, in diretta su Futsal TV, le Citizens se la vedranno col Bitonto, una delle candidate allo scudetto femminile 22-23. “Ricominciamo con il botto”, la premessa di Silvia Praticò.

BITONTO – Luciléia, Renatinha e Bianca Castagnaro sono soltanto tre delle giocatrici di livello che scenderanno in campo al PalaPansini con lo stemma del leone neroverde sul petto. “Affronteremo, se non la più competitiva, una delle formazioni più competitive del campionato – sostiene il pivot – e, considerando anche il fattore casa, sarà necessario fare un’ottima prestazione. Per cui, stiamo lavorando intensamente in settimana”. Le falchette, comunque sia, si presenteranno in terra pugliese senza alcun timore reverenziale. “Ci sarà sicuramente tanto da sudare, però siamo pronte per farlo”.

LA CHANCE – Per la stessa classe 2002, bi-campionessa d’Italia in carica sia della Serie A che della passata edizione del Campionato nazionale Under 19, l’imminente big match potrebbe rappresentare una ghiotta occasione per mettere ancor più in luce il suo enorme potenziale latente. E non soltanto nella supersfida di domenica. “È possibile che abbia l’opportunità di un minutaggio maggiore rispetto allo scorso anno – spiega la nativa di Reggio Calabria -. Minutaggio che, ovviamente, dipenderà esclusivamente dal lavoro e dalle prestazioni”.

LA CRESCITA – Per quel che concerne l’eventuale chance di trovare più spazio sul 40X20 nel main roster del CdF, rispetto a quanto registrato nella stagione passata, l’ex Royal Team Lamezia vive il tutto con serenità e senza alcuna pressione: “Se, da un lato, questo potrebbe far aumentare le ‘responsabilità’ – prosegue la numero 5 della rosa guidata da Massimiliano Neri -, d’altro canto non sento la necessità di forzare nulla. Sono fortemente convinta che ogni cosa abbia il suo tempo e, come tale, voglio rispettarlo”. A supportare al meglio la crescita sportiva della giovane atleta calabrese – a segno con una doppietta nella prima giornata e fresca di convocazione con le Azzurre del cittì Francesca Salvatore – c’è un gruppo speciale: “Parto dalla consapevolezza di non essere sola: ho una squadra accanto da cui non potrei chiedere altro. Questo, in ogni caso, mi sarà di grande aiuto durante questa stagione”, conclude Praticò. Con una maturità da giocatrice veterana.

Alessandro Cappellacci
*foto: Débora Braga