Partita al cardiopalma. Il Taranto si rammarica per non aver chiuso la gara contro il Rionero e per aver preso la rete del 5-5 a pochissimi istanti dalla fine. Per le rossoblù sono andate in rete Sommese, Calendi e Giliberto, con quest’ultima autrice di una tripletta.

PRIMO TEMPO – La contesa parte bene per il Taranto, che riesce a portarsi avanti dopo circa sette minuti: Sommese raccoglie un’ottima palla di Giliberto e mette in rete per l’uno a zero rossoblù. Le ioniche continuano a spingere e trovano il raddoppio un minuto dopo: Sommese si libera bene e calcia, la sfera sbatte sul palo e finisce tra i piedi di Calendi, che non fa altro che depositare nel sacco. Provano a prendere il largo le ragazze di Liotino, le quali trovano il tris al decimo minuto: Giliberto da fallo laterale calcia direttamente in porta e trova la deviazione dell’estremo difensore, che vale il tre a zero per le rossoblù. Provano ad amministrare le ospiti cercando di chiudere la prima frazione avanti di tre, ma a 19’ arriva la rete Huchitu, che con un preciso diagonale batte Cordaro. Termina così la prima parte di gara, con le lucane che accorciano le distanze.

SECONDO TEMPO – Nella ripresa le bianconere entrano più determinate e riescono a trovare il pareggio nei primi undici minuti. Borracino a 4’ sigla la rete del 2-3, grazie a un rimpallo favorevole. Successivamente è ancora Huchitu a battere Cordaro a 11’, per il pareggio. Le ioniche si abbattono e al 17’ vanno addirittura sotto: Monaco in diagonale manda avanti le padrone di casa. La partita però non è ancora finita, quando mancano 60’’ Giliberto si carica la squadra sulle spalle e sigla due reti che rimandano avanti le rossoblù, quando sul cronometro mancano 40’’. La panchina di Taranto esplode ma la contesa ha ancora emozioni da regalare. A due secondi dal termine infatti il Rionero ottiene ormai un insperato pareggio, grazie a un rasoterra di Carlucci. Tanto rammarico quindi per le rossoblù, che recriminano anche per una direzione arbitrale molto discutibile. Dopo tre sconfitte consecutive arriva un pareggio amaro, ma la bella prestazione fa ben sperare.

Ufficio Stampa Corim Città di Taranto