Terzo pareggio consecutivo per la BRC Balduina che non va oltre il 3-3 con il Real Praeneste nel match valido per la quattordicesima giornata del campionato nazionale di Serie A2.

Le ragazze di mister Bianchi, dopo aver condotto per larghi tratti il match, subiscono il pareggio neroverde a pochi secondi dal termine e vedono sfumare una vittoria che manca ormai da più di un mese.

La dirigente rossoblu Patrizia Scoffone, ex tecnico delle romane, analizza il momento della squadra e il percorso di crescita delle sue ragazze.

 

È arrivato un pareggio con il Real Praeneste dopo esser state in vantaggio di tre reti; che spiegazione vi siete date?

È il risultato giusto considerato il secondo tempo che abbiamo disputato. Dovremo analizzare con il gruppo a cosa sia dovuto il calo mentale perché, al di là delle nostre defezioni, c’è qualcosa di incomprensibile”.

Siete un gruppo formatosi praticamente quest’anno; quali sono state le maggiori difficoltà?

“La più grande criticità è stata mettere insieme due gruppi che non si conoscevano. Ma alla fine, vista la situazione attuale, possiamo dirci più che soddisfatti”.

A che punto è il percorso di crescita della squadra?

“La società, pur essendo entusiasta dei risultati conseguiti fino ad oggi, si aspetta sempre una crescita costante perché ritiene che questo gruppo abbia ancora ampi margini di miglioramento. Sotto questo punto di vista noi come staff tecnico siamo sempre attenti a ottenere il massimo sia tatticamente che tecnicamente”.

Facciamo un passo indietro; ci racconta com’è diventata dirigente della squadra?

“Sono stata per tanti anni il mister di questa società fino a quando, a causa di impegni familiari, non ho più avuto la possibilità di seguire a tempo pieno il gruppo. Nonostante questo sono comunque sempre rimasta in società anche con incarichi diversi; insomma questa per me rappresenta una vera e propria famiglia”.

Domenica sarà sfida playoff con il Vittoria; che gara vi aspettate?

“Ci aspettiamo una sfida difficile. Abbiamo grande rispetto per l’avversario ma l’obiettivo è quello di andare lì per fare risultato e rilanciarci in classifica”.

Marco De Santis