Promozione raggiunta e campionato archiviato. Sono queste le parole che hanno fatto da cornice alla bellissima ed esaltante stagione del tecnico Cinzia Benvenuti e del suo Borussia che conquista la massima serie nazionale con un convincente 5–1 ai danni di una preparata Pro Viribus.

Buongiorno mister…

Quali sono state le carte vincenti che hanno permesso alla sua formazione di ottenere questo successo?

“Abbiamo raggiunto ottimi risultati in questa stagione, merito di un duro lavoro iniziato il 20 agosto scorso. A inizio anno non avevamo grandi obiettivi, ci tenevamo a disputare un buon campionato imponendo il nostro gioco, ma, sicuramente, nessuno si aspettava questo meraviglioso finale. Con il susseguirsi degli allenamenti ho potuto notare che il gruppo cominciava a essere più compatto riuscendo a trovare, in mezzo al campo, delle intese migliori soprattutto nella fase dei play-off”.

La finale è stata decisa con partite d’andata e ritorno, terminate rispettivamente sul risultato di 3–3 e 5-1 . Cosa è cambiato?

“Sono cambiate le condizioni del campo di gioco, noi durante il campionato quando ci siamo trovate a disputare gare su un terreno indoor, non siamo mai riuscite a esprimere quelle che erano le nostre vere qualità. Questo piccolo problema sulle superfici indoor sarà sicuramente risolto nella prossima stagione, considerando il fatto che, disputando un campionato di serie A, la federazione ci obbliga a giocare all’interno e non più sul manto di erba sintetica che ha accompagnato tutto il nostro cammino. Al ritorno abbiamo sfruttato il fattore casa, ci siamo espresse meglio riuscendo a portare sul campo la nostra grinta e voglia di fare risultato”.

Nuovi palcoscenici nuovi e squadre più forti: operazioni di mercato in vista?

“Siamo un po’ indietro nel mercato. Prima di muoverci attivamente abbiamo aspettato l’esito della finale appena trascorsa. Cerchiamo ragazze giovani, magari di categoria, che possano darci una mano nelle partite che andremo ad affrontare. Detto questo, ci tengo a dire che la società punta il più possibile a far crescere le ragazze del proprio vivaio; abbiamo una giocatrice proveniente dal nostro settore giovanile di appena 16 anni che, nel corso della stagione appena trascorsa, ha sempre partecipato attivamente agli allenamenti trovando anche qualche minuto nelle partite finali. L’obiettivo societario è quello di creare giocatrici preparate per poi poterle indirizzare in campionati superiori considerando il fatto che non disponiamo di fondi economici per fare un discorso diverso. Il nostro progetto base infatti è quello di lavorare nel settore giovanile”.

Progettate un ritiro per dare ufficialmente il via alla prossima stagione?

“Le ragazze per il momento sono libere di partecipare serenamente a ogni torneo o manifestazione sportiva che ritengono opportuno. Nel frattempo stiamo organizzando degli incontri il lunedì, per provare 3-4 nuovi innesti. In questi giorni ci stiamo occupando, infatti, di organizzarci da un punto di vista burocratico ovvero dell’iscrizione al campionato nazionale, mondo per noi completamente nuovo che richiede una diversa organizzazione societaria. Ci stiamo muovendo a piccoli passi. Proprio qualche giorno fa abbiamo chiuso un accordo con il Palalevante di Roma in via Francesco Compagna, riuscendo ad archiviare quindi il discorso campo. Questa, sarà la struttura che utilizzeremo l’anno prossimo per gare e allenamenti. Le ragazze nell’ultimo incontro hanno riconfermato la loro presenza per la prossima stagione. Questo è già un buon inizio. Ci troveremo ad affrontare squadre preparate e organizzate che avranno una rosa compatta e unita come la nostra. E’ già un buon punto di partenza; insieme raggiungeremo nuove emozioni e obiettivi”.

Liliana Nicoletta