Tra coppa Italia e campionato l’Az Gold Futsal mette a segno ben 21 reti a distanza di appena due giorni: netta la vittoria nel ritorno di coppa Italia ai danni dell’Athletic Ottaviano (10-1) e altrettanto netta la vittoria in campionato di sabato scorso. Un momento davvero positivo per la squadra di patron Alex Zulli, che ha rimediato in modo più che convincente allo “scivolone” in casa delle campane nell’andata degli ottavi di coppa Italia. Visibilmente soddisfatta il capitano Fabiana Pastorini.

Eravate chiamate a una grande prestazione nel ritorno di coppa Italia…e ci siete riuscite in pieno: cosa è cambiato rispetto all’andata?

“Già alla fine della partita in casa dell’Athletic Ottaviano sapevamo che avremmo dovuto disputare una grande gara nel ritorno in casa nostra;eravamo consapevoli di ciò che era andato storto, del fatto che non avevamo giocato come sappiamo fare. Sarebbe bastato “giocare da Az” per vincere e passare il turno… e così è stato! Nella gara di ritorno è cambiato l’approccio alla partita: siamo entrate tutte concentrate e convinte, ognuna ha fatto esattamente quello che doveva fare e l’esito è stato quello sperato”.

Due vittorie schiaccianti con un punteggio rotondo: cosa che vi capita sempre più spesso. Il segreto della vostra facilità nel gol?

“Soprattutto in coppa Italia, la vittoria schiacciante era esattamente quello a cui miravamo: nel rispetto delle avversarie, volevamo comunque dimostrare il nostro valore e ribadire con i fatti che la sconfitta dell’andata era stata soltanto una casualità. Ci capita spesso di vincere con molti gol di scarto (anche 10 o più)… dipende soltanto dalla coesione del gruppo e dall’ottimo lavoro che svolgiamo in allenamento ogni settimana”.

Da capitano, che sensazione provi ad essere tra le “fantastiche otto” della coppa Italia nazionale?

“Per la nostra squadra non è una novità essere lì, ma ammetto che per me è la prima volta da capitano: spero davvero di arrivare fino alla fine… e magari poter raccontare a tutti i lettori di Ladyfutsal la sensazione che si prova a sollevare la coppa Italia nazionale”.

Edda Canale