Nel girone di Coppa Italia l’Audace prosegue a vele spiegate: sono arrivate due schiaccianti vittorie consecutive, rispettivamente contro La Giovanile ed Hellas Verona (10-0 e 0-7). Ne è felice Nicole Marocchio, che assieme alle sue compagne si sta preparando alla prossima sfida contro il Real Thiene.

In questa intervista concessa in esclusiva a Ladyfutsal, Nicole commenta la prova della settimana scorsa e ci confida tutti i suoi obiettivi, sia di squadra che personali!

Ciao Nicole! Allora, un tuo commento sulla partita con l’Hellas?
“A prescindere dal risultato è stata molto impegnativa, sia sotto l’aspetto fisico che mentale. Avendo ottenuto la settimana scorsa una grande vittoria, in settimana ci è stato chiesto di non adagiarci sul risultato ottenuto ma di continuare a lavorare mantenendo la concentrazione, e cercando di migliorare gli aspetti tattici”.

Come vi state preparando per il prossimo impegno?
“Stiamo lavorando su ritmi alti ed intensi cercando di preparare al meglio la parte tattica, ponendo attenzione sulla fase difensiva, senza mai dimenticarci quanto alla base di tutto ciò deve esserci un gruppo unito che lotta con grinta per unico obiettivo”.

E quali sono, i vostri obiettivi?
“L’obiettivo che ci siamo prefissate in questa stagione è sicuramente molto importante. Ci stiamo preparando al meglio allenamento dopo allenamento, cercando di non lasciare nulla al caso. Quindi per ora stiamo cercando di affrontare ogni partita con tanto impegno e tanta determinazione. Per quanto riguarda i miei obiettivi, sicuramente so di dover lavorare molto sotto l’aspetto tecnico per poter raggiungere il livello di gioco di tante mie compagne. Ci sto mettendo impegno, sacrificio e tanta voglia di imparare e crescere sia come atleta sia come persona. Da me stessa pretendo tanto, e questo è quello che mi fa alzare l’asticella ogni giorno per poter arrivare a raggiungere quegli obiettivi da me prefissati”i.

Cosa rappresenta per te il futsal?
“È difficile da spiegare. Però posso dirti che per me non è soltanto uno sport ma uno stile di vita: è emozione, impegno, testa, gambe, ritmo, delicatezza. È semplicemente pura passione!”.

Nicole, hai un sogno nel cassetto?
“Vorrei che al futsal si desse più importanza e che si smettesse di considerarlo come uno sport minore. Vorrei riuscire a portarlo nelle scuole per farlo conoscere sempre meglio”.

Valentina Pochesci